top of page

Fotovoltaico: i nuovi incentivi per le imprese

Riaperto lo sportello sul Sito Invitalia in cui presentare domanda per gli Investimenti nei settori delle rinnovabili e delle batterie. Andiamo a scoprire quali sono gli incentivi e chi può presentare domanda.



Nuovi incentivi per le imprese nel settore fotovoltaico e batterie d’accumulo.

Dal 28 novembre e fino al prossimo 28 febbraio, le imprese avranno la possibilità di candidare i loro investimenti nei settori delle rinnovabili e delle batterie, attraverso lo strumento dei cosiddetti Contratti di sviluppo.


Si tratta d’incentivi ministeriali destinati a sostenere i programmi coerenti con le finalità del PNRR e a cui vengono destinati circa 360 milioni di euro.

Nel dettaglio il Piano ha riservato ben 1.000 milioni di euro a tre diversi sub-investimenti attraverso lo strumento dei cosiddetti contratti di sviluppo per la produzione di nuove tecnologie fotovoltaiche, turbine eoliche e sistemi d’accumulo a batteria.



I programmi che potranno essere finanziati


I nuovi incentivi finanziano programmi di sviluppo relativi a questi ambiti:

  • Tecnologia PV (PhotoVoltaics): sostiene investimenti privati nel settore della produzione di pannelli fotovoltaici innovativi ad alto rendimento

  • Industria eolica: sostiene investimenti privati nel settore della produzione di aerogeneratori di nuova generazione e taglia medio-grande

  • Settore batterie: sostiene investimenti privati nel settore della produzione di batterie ;

I contratti di sviluppo possono essere realizzati da una o più imprese, anche in forma congiunta.

L’intervento è previsto dal PNRR – Missione M2C2 Investimento 5.1 “Rinnovabili e batterie”.

Le risorse sono destinate all’attuazione dei sub-investimenti:

  • 400 milioni per il sub-investimento 5.1.1 “Tecnologia PV”

  • 100 milioni per il sub-investimento 5.1.2 “Industria eolica”

  • 500 milioni per il sub-investimento 5.1.3 “Settore batterie”

La presenza di elementi di priorità indicati nel Decreto contribuiscono a definire una priorità nell’ordine di valutazione delle proposte di Contratto di sviluppo.

N.B. In caso di progetti di investimento presentati da grandi imprese con spese pari o superiori a 10 milioni di euro occorre compilare anche la relazione di sostenibilità ambientale.

Le domande di agevolazione dovranno essere presentate a Invitalia, soggetto gestore della misura, entro il 28 febbraio 2023.



Chi può presentare domanda


I programmi di sviluppo possono essere presentati da una o più imprese, italiane o estere, di qualsiasi dimensione.

In particolare, nel caso di progetti proposti congiuntamente da più imprese, anche mediante il ricorso di contratto di rete, i soggetti destinatari delle agevolazioni sono:


  • l’impresa proponente, che promuove l’iniziativa imprenditoriale ed è responsabile della coerenza tecnica ed economica del contratto di sviluppo;

  • le eventuali imprese aderenti, che realizzano progetti di investimento nell’ambito del contratto di sviluppo;

  • i soggetti partecipanti agli eventuali progetti di ricerca, sviluppo e innovazione.



Quali sono le spese ammissibili alle agevolazioni


Con riferimento ai progetti di investimento produttivi, sono ammissibili le spese relative a:

  • suolo aziendale e sue sistemazioni (massimo 10% dell’investimento complessivo);

  • opere murarie e assimilate (massimo 40% dell’investimento complessivo);

  • infrastrutture specifiche aziendali;

  • macchinari, impianti ed attrezzature;

  • software, brevetti, licenze, know-how (per le grandi imprese, fino al 50% dell’investimento complessivo);

  • per le sole PMI: consulenze (massimo 4% dell’importo complessivo per ciascun progetto d’investimento).


Quanto ai progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, sono agevolabili le spese riferite a:

  • personale, limitatamente a ricercatori, tecnici ed altro personale ausiliario, adibito alle attività del progetto di ricerca e sviluppo;

  • strumenti e le attrezzature di nuova acquisizione;

  • ricerca contrattuale e servizi di consulenza per ricerca, sviluppo e innovazione;

  • spese generali imputabili al progetto di ricerca e sviluppo (massimo 50% delle spese per il personale);

  • materiali utilizzati per lo svolgimento del progetto di ricerca e sviluppo.


Che tipo di agevolazioni vengono concesse


Le agevolazioni sono concesse sotto forma di:

  • contributo a fondo perduto in conto impianti;

  • contributo a fondo perduto alla spesa;

  • finanziamento agevolato, fino al 75% delle spese ammissibili.

L’ammontare e la forma dei contributi concedibili verranno definiti nell’ambito della fase di negoziazione.


Per maggiori informazioni MISE.GOV

42 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page